Come dichiarare gli investimenti equity

Gli investimenti in startup e PMI innovative tramite equity crowdfunding permettono gli investitori (sia individui sia persone giuridiche) di beneficiare di interessanti sgravi fiscali. Per godere dei benefici fiscali previsti dalla legge, bisogna dichiarare gli investimenti in sede di dichiarazione dei redditi. Si tratta di un’operazione piuttosto semplice ma, per evitare qualsiasi problema, ti consigliamo di affidarti al tuo commercialista di fiducia.

Chi può beneficiare degli incentivi?

Tutti i soggetti IRPEF e IRES che effettuano investimenti in start-up e PMI innovative, acquistandone quote societarie, secondo le normative vigenti.

Quando si dichiarano gli investimenti equity?

Gli investimenti in startup o PMI innovative effettuati tramite equity crowdfunding si dichiarano nella dichiarazione dei redditi dell’anno successivo all’anno fiscale nel quale è stato effettuato l’investimento.

Come si dichiara un investimento in equity?

Il contribuente persona fisica che abbia investito in equity dovrà dichiarare le spese per investimenti in star up come indicato dalle istruzioni dell’Agenzia delle Entrate per la compilazione del modello unico.

Quando si recupera il beneficio fiscale?

La detrazione fiscale sull’IRPEF è un credito d’imposta utilizzabile per 3 anni.
Rimandiamo alla nostra guida completa per maggiori informazioni su detrazioni e deduzioni per investimenti in startup e piccole e medie imprese innovative.

Leggi anche: 

Incentivi fiscali: davvero dal 30 al 50%?

Settori ciclici eanti-ciclici, e investimenti in economia reale

Corona virus: gli investimenti responsabili salvano la partita

NaturaSì investe in Humus tramite crowdfunding 

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per offrirti un'esperienza utente eccezionale, misurare il pubblico e mostrarti annunci personalizzati. Usando LITA.co accetti il nostro uso dei cookie.