Indietro

La finanza sostenibile per l'economia del futuro

26 aprile 2020

Tutti siamo chiamati a essere più consapevoli e responsabili nelle nostre scelte e nel valutare bene la sostenibilità e l’impatto di ciò che acquistiamo e consumiamo. Ma anche la finanza può e deve fare la propria parte.

Ma cosa è la finanza se non la somma di decisioni individuali e di gruppi di interesse?

In LITA.co promuoviamo una visione e un approccio nuovi alla finanza, una “finanza sostenibile” e investimenti nell’economia reale, nei progetti sostenibili, alla portata di chiunque e a partire da 100€. E poiché la finanza non è qualcosa di astratto e lontano da noi, riteniamo anche che tutti dovremmo responsabilizzare le nostre scelte finanziarie, investendo nelle imprese che conosciamo bene e con le quali condividiamo valori e obiettivi.

Gli investimenti sostenibili sono un passo fondamentale per supportare economicamente la crescita di piccole aziende e startup sostenibili e con obiettivo di impatto positivo. Un passo decisivo verso un’economia più giusta, più equa, più inclusiva e più sostenibile, che guardi contemporaneamente e con occhi nuovi al benessere di oggi e di domani.

Ce lo conferma Edo Ronchi, affermando che, per contrastare una possibile recessione, sia necessario “fare uno sforzo perché l’emergenza non annebbi la visione strategica. Resta ferma, infatti, la necessità di puntare, anche con nuove misure di stimolo, sull’economia del futuro – decarbonizzata, green e circolare - in sinergia con il Green Deal europeo.

Senza finanza sostenibile, senza investimenti che prendano in considerazione i criteri ESG e l'impatto ambientale e sociale, non può realizzarsi l'economia del futuro - green, circolare e decarbonizzata - auspicata da Ronchi, da noi e da molti altri. 

Questo è un fatto rilevante, soprattutto alla luce del Rapporto sull’Economia circolare che evidenzia come gli investimenti finora non siano stati sufficienti e ci stiano facendo perdere punti, nonostante il primato europeo. Nessuno può più fingere di non sapere, e tutti - dall'anonimo cittadino al capo di stato - siamo responsabili dei prossimi passi che faremo, nell'una o nell'altra direzione. 

Come sostenuto da Eva e Julien (i fondatori di LITA) in una recente lettera agli imprenditori sociali, riteniamo che una transizione ecologica e socialmente sostenibile dell'economia e della finanza sia l'approccio più giusto e lungimirante da adottare, anche oggi - soprattutto oggi, proprio per continuare a dare supporto a quelle imprese che rischiano di rallentare il proprio percorso di crescita e di sviluppo a causa del Covid-19 e non smettere di credere in progetti che mirano a un’economia più sostenibile e circolare.

Leggi anche: 

Coronavirus: gli investimenti responsabili salvano la partita 

Il modello RE3 di SEAY: l'economia circolare per una moda sostenibile

Eva Sadoun e gli investimenti in progetti per il bene comune

 

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per offrirti un'esperienza utente eccezionale, misurare il pubblico e mostrarti annunci personalizzati. Usando LITA.co accetti il nostro uso dei cookie.