Indietro

Chi può avviare una campagna equity crowdfunding?

23 gennaio 2020

Gli imprenditori possono avviare una raccolta fondi online per molteplici motivi, il cui comune denominatore è sempre lo sviluppo dell'impresa. 

Spesso però capita che ci sia confusione su quali soggetti giuridici possano avviare una raccolta fondi tramite una piattaforma di equity crowdfunding. 
Al contrario, per esempio, del crowdfunding di tipo donation o reward che vanno bene anche per piccole associazioni o per startup senza alcuna traction, l'equity crowdfunding è adatto a progetti più strutturati. 

In generale, su LITA possono essere Offerenti di campagne equity tutte le società di capitali e, in particolare, quelle startup e PMI che perseguano scopi sociali o abbiano un impatto positivo dal punto di vista ambientale. 

Come definito dal Regolamento Consob che disciplina l'equity crowdfunding in Italia, gli offerenti posso essere le seguenti tipologie di società:
- le piccole e medie imprese;
- le startup innovative;
- le startup innovative a vocazione sociale;
- le startup del turismo;
- le piccole e medie imprese innovative; 
- gli organismi di investimento collettivo del risparmio (OICR) che investono prevalentemente in piccole e medie imprese;
- le società di capitali che investono prevalentemente in piccole e medie imprese.

 

Leggi anche: 

Cos'è l'equity crowdfunding e com'è regolamentato in Italia

Impact Investment: è già mainstream? 

Gli investimenti in economia reale

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per offrirti un'esperienza utente eccezionale, misurare il pubblico e mostrarti annunci personalizzati. Usando LITA.co accetti il nostro uso dei cookie.