Indietro

L'innovazione e l'imprenditorialità promosse da Lazio Innova: intervista a Luigi Campitelli

09 marzo 2021

Nuovo appuntamento per presentarvi i partner di LITA: incubatori, associazioni, enti pubblici e privati con una mission comune: sostenere l’innovazione e l’imprenditoria italiane, con particolare attenzione a tutte quelle realtà che si pongono l’obiettivo di fare business in maniera sostenibile. Tra le ultime relazioni instaurate con incubatori ed acceleratori vi è la collaborazione con Lazio Innova, la società in house della Regione Lazio, partecipata anche dalla Camera di Commercio di Roma, per l’innovazione e la crescita economica. 

La collaborazione con Lazio Innova è stata avviata con l’adesione di LITA come partner del programma di accelerazione Boost Your Ideas, una call (alla sua seconda edizione) per startup e idee imprenditoriali che propongano soluzioni innovative, nuovi prodotti, nuovi servizi o nuovi modelli di business, in tutti quegli ambiti dove l’emergenza COVID ha fatto emergere nuovi bisogni e quindi una domanda non soddisfatta. 

Per conoscere meglio le attività di Lazio Innova, abbiamo intervistato Luigi Campitelli, direttore operativo Spazio Attivo e Open Innovation di Lazio Innova.

L’innovazione promossa da Regione Lazio

Gli investimenti per lo sviluppo sostenibile

Accelerazione e mentorship con Boost Your Ideas

L’innovazione promossa da Regione Lazio

Lazio Innova è la società in house della Regione Lazio, partecipata anche dalla Camera di Commercio di Roma, per l’innovazione e la crescita economica.

Quali sono le principali attività di Lazio Innova?

«Operiamo a vantaggio delle imprese laziali, erogando incentivi con risorse regionali, nazionali ed europee e favoriamo l’accesso al credito e il rilascio di garanzie, partecipando al capitale di rischio di startup e PMI. Svolgiamo anche funzioni di assistenza tecnica specialistica alla Regione Lazio, con particolare riferimento all’attuazione della programmazione europea e nazionale. Forniamo inoltre servizi per l’internazionalizzazione e la promozione delle reti d’impresa e gestiamo gli Spazi Attivi della Regione Lazio diffusi su tutto il territorio regionale.»

Spazi Attivi per promuovere l’imprenditorialità

Gli Spazi Attivi della Regione Lazio sono hub dell’innovazione che offrono i servizi (anche in modalità digitale) della Regione Lazio a imprese, startup, maker e cittadini, attraverso la formazione e l’orientamento all’imprenditorialità e al lavoro e che, in collaborazione con enti locali, consorzi industriali, università e centri di ricerca, sostengono la diffusione della cultura imprenditoriale.

Spazio Attivo, Lazio Innova
Spazio Attivo, Lazio Innova

Lazio Innova per startup e imprese

Quali sono le tipologie di startup e corporate che si rivolgono a voi?

«Si rivolgono a noi 2 principali tipologie di imprese: quelle tradizionali e le startup e le imprese più innovative. Un tessuto produttivo fatto di micro, piccole e medie imprese, liberi professionisti, consorzi e reti d’impresa, che rappresentano l’insieme strategico e vitale dell’economia del territorio».

La trasformazione digitale delle imprese tradizionali

L’innovazione nel Lazio passa attraverso la trasformazione digitale delle imprese del territorio, in particolare le aziende attive nei settori più tradizionali che richiedono di essere accompagnate sulla strada del rinnovamento. «A noi si rivolgono ovviamente anche startup innovative, spinoff e innovatori che rispondono alle nostre call o challenge oppure fanno domanda per essere incubati negli Spazi Attivi o assistiti nei laboratori FabLab presenti in ciascuno Spazio Attivo».

FabLab Lazio

Il FabLab Lazio è un laboratorio di progettazione e prototipazione digitale, dotato di attrezzature e tecnologie adeguate, nel quale maker, designer, studenti, creativi e startup possono realizzare prototipi e oggetti “custom made” e auto-prodotti. «Gli associati (associarsi è gratuito) possono acquisire e/o accrescere le proprie competenze come maker, partecipando ai corsi ed ai workshop gratuiti dedicati al design, al making ed alla progettazione. Gli chef e gli esperti del settore agrifood possono invece sperimentare le proprie idee presso la “Digital Kitchen Lab” nello Spazio Attivo di Bracciano, dedicato alla “food innovation”. L’obiettivo di questi hub di innovazione è promuovere la cooperazione, la condivisione, il networking ed il costante aggiornamento».

Cos’è per voi l’ecosistema dell’innovazione?

«Significa creare un network, un circuito virtuoso nel quale è protagonista l’innovazione. Significa mettere in contatto le startup con il tessuto imprenditoriale, sia le grandi che le piccole imprese. Si parte dalla consapevolezza che l’innovazione difficilmente si genera in un contesto organizzativo chiuso, ma che viceversa è sempre più il frutto di processi di confronto, cooperazione, contaminazione tra aziende, innovatori, contesto ambientale. Da qui il programma regionale di Open Innovation degli Spazi Attivi di Lazio Innova, attraverso il quale la Regione Lazio intende mettere in contatto la domanda d‘innovazione delle imprese con le soluzioni che possono essere generate dalla competenza e della creatività delle startup, sfidando nello stesso tempo queste ultime a misurarsi con le sfide di mercato che le imprese pongono. Tutto ciò, con programmi e progetti che spaziano in tutti i settori: intelligenza artificiale e big data, mobilità intelligente e sostenibile, formazione, IoT (Internet of things), food e nuove tecnologie applicate in ambiti tradizionali. Con tante altre sfide e laboratori che saranno realizzate nei mesi a venire».

Gli investimenti per lo sviluppo sostenibile

Per lo sviluppo delle imprese, è essenziale l’accesso a risorse finanziarie e competenze specifiche che le accompagnino nelle diverse fasi di crescita. Lazio Innova e tutte le attività messe finora in campo – in particolare i programmi di accelerazione e mentorship come Boost Your Ideas – aiutano sul fronte delle competenze. Sul fronte invece degli investimenti, vi sono altre realtà che possono accompagnare le startup più giovani e le imprese più mature con fondi dedicati. In particolare, la Regione Lazio, attraverso il suo programma FARE LAZIO, «vuole assicurare una strategia unitaria a tutti gli interventi di rafforzamento della struttura patrimoniale e finanziaria delle imprese del suo territorio. In questo contesto, grande importanza rivestono ovviamente gli investimenti in progetti che riguardano lo sviluppo sostenibile».

Lazio Venture e Innova Venture

La realtà operativa sul fronte finanziario è “FARE Venture”, che opera con due strumenti distinti ma complementari: LAZIO Venture e INNOVA Venture. LAZIO Venture è un fondo di fondi di 44 milioni di euro ha investito in quattro FIA (Fondi Chiusi di Investimento Alternativi) paralleli, gestiti da primari soggetti professionali che, associando una quota del 40% di capitali privati di altri FIA “principali” dai medesimi gestiti, stanno investendo nelle startup e scale-up del Lazio; ad oggi questi fondi hanno già investito complessivamente quasi 18 milioni in 9 imprese. 

INNOVA Venture, con una dotazione di circa 22 milioni, investe direttamente nel capitale di rischio di startup e imprese del Lazio insieme a co-investitori privati indipendenti, con decisioni di un Comitato di Investimento indipendente. Questo strumento, che ad oggi ha investito, insieme ai privati, quasi 2 milioni in 5 startup, ha anche introdotto due significative innovazioni: la possibilità di co-investire insieme alle piattaforme di equity crowdfunding, e la possibilità di definire accordi quadro strutturali di coinvestimento con acceleratori, business angel e venture capital.

Luigi Campitelli, Lazio Innova
Luigi Campitelli, Lazio Innova

La funzione pubblica di Lazio Innova e l’innovazione di frontiera

«Un soggetto che svolge una funzione “pubblica” come Lazio Innova deve essere particolarmente attento ai cd. “fallimenti di mercato”, in altri termini deve intervenire per colmare quei gap che non consentono ai territori di esprimere le proprie potenzialità, che riducono la possibilità di valorizzare i talenti, che rappresentano dei limiti alla competitività dei sistemi d’impresa. In questo senso uno dei temi prioritari alla nostra attenzione è certamente quello del digitale, inteso sia come miglioramento delle competenze digitali dei giovani e dei lavoratori, sia come rafforzamento della cultura digitale nei sistemi di PMI (Piccola e Media Impresa), anche attraverso idee, progetti e soluzioni proposti da team e startup. Importante è poi l’attenzione alla cosidetta "innovazione di frontiera" (Intelligenza Artificiale, Big Data, Internet delle cose, machine learning, ecc.) e a temi quali la space economy e le scienze della vita, tutte aree nelle quali la valorizzazione imprenditoriale della ricerca e il trasferimento tecnologico possono favorire la diffusione d’innovazione anche nei settori produttivi tradizionali produttivi oltre che generare nuova offerta di prodotti e servizi».

Accelerazione e mentorship con Boost Your Ideas

La collaborazione con Lazio Innova è stata avviata con l’adesione di LITA come partner del programma di accelerazione Boost Your Ideas. Lazio Innova ha strutturato Boost Your Ideas come un programma continuativo (un bando ogni quattro mesi) di scouting di progetti e team.

Quali sono gli obiettivi del programma?

«Con Boost Boost Your Ideas intendiamo selezionare progetti che propongano soluzioni innovative, nuovi prodotti, nuovi servizi o nuovi modelli di business, in tutti quegli ambiti dove l’emergenza COVID ha fatto emergere nuovi bisogni e quindi una domanda non soddisfatta. Vogliamo accompagnare i progetti imprenditoriali e i team con maggior potenziale all’interno di un percorso di accelerazione e mentorship, anche con il supporto della rete dei partner di progetto, che possono assicurare competenze qualificate, ovvero possono diventare potenziali utilizzatori dei prodotti/servizi sviluppati, o ancora possibili co-investitori. Chi ha completato il percorso di mentorship può poi concorrere ai premi previsti per ogni edizione del programma: dieci premi da 5mila euro e 2 premi da 20mila euro, oltre ai successivi servizi di go-to-market».

La prima call di Boost Your Ideas si è chiusa il 13 ottobre 2020, con ben 301 proposte ricevute. Il 24 febbraio scorso si è tenuta la premiazione dei vincitori. «Si tratta di 13 buone idee che contribuiranno a fornire soluzioni innovative in settori chiave per la ripresa socio-economica in Lazio». Da poco si è aperta la nuova call: per partecipare al nuovo ciclo di Boost Your Ideas c’è tempo fino alle ore 24 del 15 Marzo 2021.

Per approfondire potete partecipare al prossimo evento del ciclo "Orientiamo Boost Your Ideas" con i partner della nuova edizione, previsto per l’11 marzo. Durante l'evento verrà presentato il programma Boost Your Ideas, e parleremo di equity crowdfunding e impact investing. 

Iscriviti all'evento Orientiamo Boost Your Ideas
Iscriviti all'evento Orientiamo Boost Your Ideas

Potrebbero interessarti anche:

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per offrirti un'esperienza utente eccezionale, misurare il pubblico e mostrarti annunci personalizzati. Usando LITA.co accetti il nostro uso dei cookie.