Indietro

it's campus: acceleratore e hub per l'open innovation e l'internazionalizzazione

16 ottobre 2020

Per il secondo appuntamento di presentazione dei nostri partner, abbiamo intervistato Claudio Colombo, fondatore di it’s campus.

Un hub d’innovazione per startup e corporate

Internalizzazione e strategia digital: boost per la crescita

Open innovation e partnership

Ecosistema dell’innovazione

Purpose e sostenibilità

Un hub d’innovazione per startup e corporate

it’s campus è un hub di innovazione che da un lato supporta startup e PMI italiane nella crescita e dall’altro lato supporta le corporate grazie ad attività di open innovation.

D: Come nasce it’s campus?
R: it’s campus nasce dall’esperienza decennale maturata nell’ecosistema startup maturata in UK, soprattutto a Londra. it’s campus in Italia è presente fisicamente in Brianza (a Monza) e si pone come un ponte tra Italia e Regno Unito, fornendo a startup, PMI e corporate la possibilità di internazionalizzare il proprio business ed esplorare nuovi mercati.

D: Che lezione avete imparato nell’accompagnare le corporate e le startup nella loro crescita?
R: Oltre che un acceleratore per startup, it’s campus si caratterizza come hub per l’innovazione e l’accompagnamento di realtà corporate che vogliano innovare anche tramite investimenti in startup in linea coi loro obiettivi.
Da un lato, stiamo rilevando sempre più la predisposizione delle grandi corporate, ma anche delle medie imprese, ad iniziare percorsi di innovazione. Risulta sempre più facile introdurre le startup a questa tipologia di imprese. Se prima dovevamo “spingere” le corporate a parlare con la startup, adesso sono proprio le grandi aziende che ci chiedono di parlare con le startup innovative del nostro network.
Dall’altro lato, notiamo un interesse sempre maggiore delle startup a parlare con le corporate, privilegiandole a volte rispetto ai VC. Le startup vedono nelle corporate non solo un modo per ottenere capitali, ma anche un modo per cominciare percorsi di collaborazione e sviluppare insieme attività di business. In questo momento storico, l’interesse e la voglia di collaborazione tra startup, PMI e corporate sono altissimi.

D: Quali sono le tipologie di startup e corporate che si rivolgono a voi?
R: Le corporate che si rivolgono a noi sono solitamente aziende che non hanno un dipartimento di innovazione interno e che sono aperte alla open innovation. Realtà che affidano quindi a noi l’innovazione aziendale per migliorare linee di business esistenti, migliorare attività e dipartimenti all’interno dell’azienda, per trovare nuove linee di business diversificando o integrando quelle preesistenti.
Le startup che si rivolgono a it’s campus hanno già validato l’idea e vogliono far crescere il proprio business attraverso lo sviluppo della strategia digitale, attraverso nuovi investimenti ed attraverso un processo di internazionalizzazione.

D: Qualche esempio di startup green o a impatto sociale accelerate da it’s campus?
R: Due startup che ci piacciono molto e che stiamo seguendo e supportando sono Braxfield Design (una startup nel settore sustainable fashion) e SaveBiking (startup che premia le persone che utilizzano regolarmente la bicicletta).


Candidati al programma di accelerazione di it’s campus

Internalizzazione e strategia digital: boost per la crescita

D: Qual è il fattore che rende unici i vostri percorsi di accelerazione?
R: I punti di forza di it’s campus sono il collegamento con Londra (network di investitori e aziende, possibilità di internazionalizzazione), le competenze Digital e Growth Hacking (elemento presente in minima parte in quasi tutti gli acceleratori italiani), un network di mentor di altissimo livello ed un network di investitori molto variegato.

D: Anche sui vostri social, sottolineate l’importanza delle strategie digital, del marketing e delle competenze necessarie per gestire tutte le sue specializzazioni e attività. Perché?
R: Uno dei punti di forza di it’s campus è la parte di Digital Strategy. it’s campus nasce infatti come un progetto della nostra Digital Agency con sede a Londra e con 20 anni di esperienza. Riteniamo che la parte digital sia fondamentale nello sviluppo di qualsiasi business e supportiamo in questo senso sia le startup che le corporate.
Diamo importanza alle competenze e sconsigliamo il “fai da te” anche per la preparazione e la gestione di campagne di equity crowdfunding. Consigliamo alle startup di farsi sempre supportare sul lancio di campagne di equity crowdfunding. È un’attività in cui ci vuole esperienza e, soprattutto, contatti. Per questo motivo, quando seguiamo le startup in percorsi di crowdfunding, le supportiamo sulla parte di pubblicizzazione della campagna e nella ricerca di investitori (arrivando quindi alla campagna sulla piattaforma con alle spalle una buona percentuale di investimento già “assicurata”).

Open innovation e partnership

D: In LITA crediamo molto nella collaborazione per amplificare attività e valori comuni. Come insegnate l’importanza delle partnership ai vostri incubati?
R: Networking e partnership sono fondamentali ed è una cosa che diciamo a tutti i player del nostro network (startup, PMI, corporate, mentor).
La cosa che consigliamo da subito alle startup è creare un’advisory board composto sia da professionisti che possano aiutare dal punto di vista “interno” (prodotto, business plan, business model, digital strategy,…), sia da professionisti che possano aiutare dal punto di vista delle relazioni esterne (quindi introducendo la startup a potenziali partner).
La seconda cosa che suggeriamo e che supportiamo è l’interazione tra le startup del nostro network. Molto spesso nascono collaborazioni tra startup ed ancora più spesso i suggerimenti che arrivano da altre startup, che magari hanno già risolto una problematica specifica, aiutano a velocizzare lo sviluppo del proprio business.

Ecosistema dell’innovazione

D: Cos’è per voi l’ecosistema dell’innovazione?
R: L’ecosistema dell’innovazione comprende a nostro avviso i seguenti player del settore: startup, corporate, incubatori, acceleratori, Venture Capital, Business Angels, piattaforme di crowdfunding, università, media del settore. Quindi tutti quei players che, giocando insieme, possano creare e supportare l’innovazione in Italia.

D: Quali sono secondo voi le opportunità e le sfide più urgenti cui rispondere per migliorare l’ecosistema italiano dell’innovazione?
R: Vedendo ed essendo parte dell’ecosistema innovativo in UK, particolarmente a Londra, notiamo un “ritardo” sulla situazione italiana. Questo da molti è visto come un problema, per noi è invece una grandissima opportunità: c’è molto spazio per migliorare.
Questo miglioramento dovrebbe arrivare da un supporto all’ecosistema da parte del Governo, e si nota che qualcosa sta già sicuramente migliorando (anche se si potrebbe fare di più), ma crediamo che dovrebbe arrivare soprattutto da un cambio di mentalità da parte dei player che si occupano di investimenti in startup.
Se comparato a quello che succede in UK, la ricerca fondi in Italia è troppo difficile a causa delle paure, soprattutto dei VC. Molti dei quali non investono su grandi idee ed ottimi team, ma investono solo su startup che stanno già facendo revenue costanti, con una scelta basata quasi esclusivamente sulla parte finanziaria.

Purpose e sostenibilità

D: Qual è il vostro purpose?
R: it’s campus è un progetto in cui startup, imprenditorialità, innovazione, educazione e sostenibilità si incontrano e si supportano a vicenda. Vogliamo innovare in modo sostenibile; lavorando non solo su startup e aziende, ma anche sul mindset delle persone che compongono queste realtà.

D: Qual è il vostro perché della partnership con LITA?
R: Uno dei punti cardine di it’s campus è la sostenibilità, crediamo che ci sia bisogno di “migliorare” il mondo in cui viviamo. Supportiamo e ricerchiamo attivamente startup che si occupano di sostenibilità e la partnership con LITA è per noi fondamentale per sviluppare sempre più questa nostra visione.



Potrebbero interessarti anche:

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per offrirti un'esperienza utente eccezionale, misurare il pubblico e mostrarti annunci personalizzati. Usando LITA.co accetti il nostro uso dei cookie.